Facile e veloce: la cacio, ova e carciofi

Il piatto di cui voglio parlarvi oggi è tanto semplice quanto buono. Non so raccontarvi esattamente le sue orgini, perchè per me è nato dalla voglia di carbonara ma l’impossibilità di mangiare i salumi. Di certo però non voglio accaparrarmi il primato di aver creato una cosa tanto gustosa che, fidatevi, non ha nulla da invidiare alla sorella carbonara!

Il concetto è molto simile: si deve avere una buona pasta, delle uova fresche (preferibilmente solo il tuorlo), e un buon formaggio da grattuggiare (meglio se un mix di pecorino e parmiggiano!). Poi, invece di aggiungere il guangiale, aggiungereno dei carciofi saltati in padella.


Ingredienti (per due persone)
200g di rigatoni
3 tuorili (se non sapete che farne degli albumi poi sbirciate qui)
2C di pecorino grattugiato
1C di parmiggiano grattugiato
pepe qb
olio qb
1 carciofo*

*io a volte compro i carciofi cotti al vapore dell’Esselunga (magari li fanno anche altri supermercati): sono molto comodi e li ripasso solo in padella con un po’ di olio per un paio di minuti!

Conservazione
Vi consiglio di consumare la pasta appena fatta, se proprio dovesse avanzare, trasformatela in una frittata di maccheroni conservandola in frigo massio fino alla sera/mattina dopo.


Iniziamo dai carciofi: puliamoli e sciacquiamoli bene, tagliamoli a spicchietti e cuociamoli in padella con un bel giro di olio ed uno spicchio di aglio (ci metteranno una decina di minuti).

Mettiamo quindi pure l’acqua sul fuoco per la pasta e mentre questa arriva a bollore dedichiamoci alle uova. Separiamo i tuorli dagli albumi: questi conservateli in un contenitore ermetico e poi utilizzateli per fare dei super pancake! Aggiungete ai tuorli il pepe ed il formaggio ed iniziate a mescolare energicamente (meglio se con una frusta manuale). A questo punto, vi consiglio di aggiungere pochissima acqua di cottura della pasta in modo da allungare leggermente la salsina creatasi.

Portate a cottura la pasta, scolatela e fuori dal fuoco unite i carciofi e la salsa. Ed il gioco è fatto!

Che dite, possiamo darla una chance a questa sorella vegetariana della carbonara?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *