Tagliatelle al Ragù: il comfort food del weekend

Ci sono piatti che non hanno bisogno di troppe presentazioni.

Nonostante io sia Napoletana, tra il ragù Napoletano e quello Bolognese preferisco il secondo. Non ho la presunzione oggi di raccontarvi la ricetta originale del ragù alla Bolognese, voglio invece raccontarvi la mia ricetta del ragù della domenica, che è un po’ più veloce ed altrettanto buonissima.

Ingredienti principali sono materie prime di qualità e tempo: con la fretta non si fa nulla di buono. Ecco perché lo preparo sempre nel weekend, perché mi piace seguirne la preparazione con calma, senza dover pensare ad altre mille cose.

Pronti a cucinare?


Ingredienti (per 4 Persone)
Per le tagliatelle
200g semola rimacinata
200g farina 0 per pasta fresca
4 uova intere
1 tazzina di acqua a necessità
1 pizzico di sale
Per il ragù
300g macinato di bovino
700g passata di pomodoro
Olio qb
Soffritto qb (a seconda della dimensione degli ortaggi)
1c di bicarbonato
2c sale

Conservazione
Le Tagliatelle possono essere conservate da crude 1 giorno in frigorifero o fino a 3 mesi in freezer. Anche il sugo potete conservarlo un paio di giorni in frigo o fino a 3 mesi in freezer.
Una volta cotte le tagliatelle ed assemblate vi consiglio di consumarle fresche al momento; se dovessero avanzare potete conservarle un giorno in frigorifero.


Iniziamo dal soffritto: io preferisco lasciare la carota a pezzi più grossi, che quindi taglio al coltello; mentre cipolla e sedano li sminuzzo in parti più piccine. Facciamo quindi un abbondante giro di olio EVO in una pentola capiente, aspettiamo che riscaldi e aggiungiamo il soffritto. Aspettiamo giusto un minuto che prenda sapore ed aggiungiamo anche la carne. Lasciamola cuocere ed insaporire un paio di minuti: praticamente quando vediamo che non ci sono più parti crudissime (quindi eccessivamente rosa) aggiungiamo la salsa.

TRUCCHETTO: per prendere fino all’ultima goccia di salsa dalla bottiglia della passata di pomodoro, aggiungete un goccino di acqua, richiudetela, shackeratela un po’ (vedrete come si pulirà bene!) e poi aggiungetela in pentola. Non preoccupatevi di aver allungato troppo il sugo, tanto adesso lo faremo andare a fuoco basso basso per almeno 2h!

Eh già, se volete ottenere un ragù bello saporito dovete avere pazienza, e dovete farlo cuocere lentamente a fiamma bassa per almeno un paio di ore. Dategli una controllata ogni tanto ed una piccola mescolata per essere sicuri che niente si sta attaccando. Dopo circa 1h di cottura aggiungete il sale e anche un cucchiaino di bicarbonato. A cosa serve il bicarbonato? Serve a ridurre l’acidità del pomodoro e rendere il sugo più digeribile a tutti!

A questo punto, possiamo dedicarci alle tagliatelle. Io ho preferito fare un mix tra farina 0 e semola rimacinata, in modo da avere una texture finale un po’ più rustica. Ecco perchè oltre alle solite 4 uova per 100g di farina ho bisogno di avere con me anche un po’ di acqua. Questa non vi consiglio di aggiungerla subito nell’impasto, ma di tenerla da parte ed aggiungerla solo a necessità e poco alla volta: io di solito mi bagno le mani e con le mani bagnate lavoro l’impasto. Ottenuto un panetto omogeneo, lo facciamo riposare almeno mezz’ora. sul piano da lavoro coperto dalla ciotola capovolta. (intanto il ragù va…)

Mix di Semola e Farina 0

Adesso non ci resta che tirarla e formare le tagliatelle! Io dopo anni di sfoglia tirata a mano finalmente ho ricevuto in rigalo un tirapasta, quindi mi sono fatta aiutare da questo strumento impostando uno spessore finale di “6”. Vi consiglio di infarinare con della semola la pasta mentre la tirate e di far riposare le tagliatelle ben separate una volta divise.

Potete anche muovervi in anticipo e preparare tutto prima, una volta che le tagliatelle si sono asciugate, potete raggrupparle in un nido e conservarle in frigorifero per un giorno o addirittura in freezer fino a tre mesi. in questo secondo caso al momento della cottura buttatele direttamente in acqua e calcolate qualche secondo in più di cottura!

Tagliatelle conservate a nido

E adesso non ci resta che cuocere la pasta e condirla con il nostro ragù! Portiamo a bollore l’acqua e consideriamo circa 2/3 minuti di cottura per le tagliatelle. Scoliamo e condiamo con il sugo. Et voilà!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *