Banana Bread – Plumcake

Odio lo spreco di cibo. E non parlo solo di quello casalingo. Purtroppo aumentano sempre più i numeri riguardo il cibo che viene buttato dai supermercati e dai produttori stessi, ancora prima di arrivare al consumatore finale.

Uno dei cibi purtroppo più inflazionati in questo senso sono le banane. Le Banane devono infatti affrontare un luungo viaggio prima di arrivare da noi. Lo sapevate che di tutte le banane che ci vengono mandate solo una piccola parte viene presa dai supermercati? E lo sapete che di quella piccola percentuale, una parte viene buttata?

Io sono molto empatica, e ho iniziato a sentirmi molto triste per quelle banane un po’ malandate che giacevano abbandonate al banco della frutta. E quindi ho iniziato a comprarle.

Purtroppo la loro vita è davvero breve, e spesso mi si fanno nere nere prima del previsto. E allora che si fa? Via di Banana bread!
Adoro questo tipo di dolce, anche perché non mi sembra nemmeno un vero dolce: le banane sono già dolcissime di loro tanto che non aggiungo mai lo zucchero. A colazione è perfetto insieme a un caffè e un succo, ma non è da mettere da parte nemmeno a merenda. A differenza di altre torte è più “denso”, quindi può facilmente essere portato in ufficio/all’università per uno spuntino più goloso del solito.

Qui sotto la versione classica, ma con un ingrediente segreto: volete scoprirlo?


Ingredienti (per uno stampo da plumcake di 30cm)
3 Banane mature
200gr Farina tipo 1
2 Uova
1pizzico Sale
120ml Olio di semi
1c Polvere di caffè
1C Miele di acacia
1cc Bicarbonato (o mezza bustina di lievito per dolci)
70gr Noci

Conservazione
Il banana bread resta morbido per 3 giorni se conservato in un contenitore ermetico. Potete anche surgelarlo a fettine per averne sempre una pronta.

Suggerimenti
Provatelo insieme a un cucchiaio di gelato alla vaniglia, o spalmato con abbondante marmellata di lamponi!


Iniziamo sbucciando le banane e mettendole in una ciotola. Schiacciamole con l’aiuto di una forchetta fino ad ottenere una purea. Aggiungiamo quindi le uova, l’olio e il cucchiaio di miele e mischiamo. Setacciamo le polveri ed aggiungiamole al composto.
A me piace aggiungere un cucchiaino di polvere di caffè: non caffè solubile, proprio caffè! Trovo che dia quel sapore forte che si sposa bene con la dolcezza delle banane.
Per ultime, aggiungiamo le noci incorporandole all’impasto con un cucchiaio.

Preriscaldiamo il forno a 170°.

Nel mentre che arriva a temperatura, foderiamo lo stampo da plumcake, così poi sarà facile estrarre il banana bread per farlo raffreddare.

Facciamo cuocere a 170° ventilato per circa 45 minuti.
Prima di spegnere il forno, facciamo il controllo stecchino per controllare sia effettivamente cotto. Con attenzione quindi spostiamolo su una gratella per farlo raffreddare.

Il vostro banana bread è pronto!

Una risposta a “Banana Bread – Plumcake”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *